Adv

martedì 5 maggio 2009

Tassi in calo? In arrivo altri aumenti negli spread

Ormai sembra essere una consuetudine: se il tasso cala, il guadagno per la banca aumenta. Sono in arrivo infatti altri aumenti negli spread dei mutui a partire già dalla prossima settimana. L'aumento sarà di uno 0,10% per quelli a tasso variabile con durata tra i 15 e i 20 anni di più, intorno allo 0,15% per i fissi (Leggi qui). Cosa fare in questo contesto? La soluzione immediata è quella di trattare, facendo valere le proprie garanzie di "buon cliente" anche perché l'aumento sarà un po' generalizzato in tutte le banche e finanziarie e quindi la ricerca di uno spread più basso sarà molto difficile. Sono da dimenticare i mutui a spread sotto l'1% come ai tempi di Of-Miglior Mutuo 2007 (formato PDF) e per chi oggi sottoscrive un nuovo mutuo c'è quindi il problema di capire bene come sostenere nel futuro una rata che potrebbe diventare molto pesante soprattutto se si avvereranno le previsioni degli uffici studi di molte banche internazionali che descrivono un rischio inflazione entro il 2011 (Leggi qui). D'altra parte oggi l'indice d'inflazione è così basso (a marzo era dell'1% su base annua), il più basso negli ultimi dieci anni, che non è possibile che duri ancora per molto tempo. Tra il 1999 e il 2009, infatti, il valore medio dell'inflazione è stato del 2,2% con una punta massima raggiunta una sola volta tra il luglio 2007 e il luglio 2008, pari al 4%. Se si va ancora più indietro, a 20 anni fa, il valore medio dell'inflazione rimane su per giù il medesimo, del 2,6%, con una punta massima del 7% raggiunta tra l'estate 1988 e quella successiva 1989. Cosa vuol dire questa girandola di numeri? Che sul lungo periodo un incremento dei tassi anche brusco per chi ha un variabile è da mettere in conto ed è quindi importante riuscire a sostenere l'onda d'urto del terremoto-tassi senza che crolli la casa. Per fare questo è bene che la famiglia riesca a pagare la rata del mutuo in tranquillità senza arrivare alle tragedie che si stanno purtroppo consumando in questi giorni. Ieri nella bancheca del mio condominio è stata appesa la notizia di un appartamento che andrà fra breve all'asta. E mi si è stretto il cuore.

Nessun commento: