Adv

martedì 24 novembre 2009

Natale in Banca

Le occasioni fioccano a Natale anche sul web. Soprattutto sul web. Mai come quest'anno anche da noi il Natale porta tanti bei prodotti da tutto il mondo acquistabili con un paio di clic e con una carta di credito. Il problema sono le truffe, gli scam, come ha informato anche McAfee con il suo elenco delle 12 truffe di Natale (Leggi qui). Ma si tratta comunque di fare attenzione e di usare, possibilmente, una carta prepagata visto che oggi sono identiche alle carte di credito nelle funzionalità e in più sono sicure perché è possibile riempirle con il denaro che serve e niente di più e in alcuni casi anche disattivarle subito dopo l'uso (Leggi qui)

Proprio la prepagata è l'idea regalo delle banche a Natale. Idea non nuova, prima ad offrire la sua, era stata Banca Sella già nel 2006 con cofanetto regalo. Oggi UniCredit Banca propone la sua nuova Genius Card in formato ragalo per figlio o figlia (la pubblicità prevede solo un ragazzo barbuto chissà come mai...) e lo fa anche Intesa Sanpaolo per la nuova SuperFlash che, tra l'altro, per chi è milanese, è proposta nella nuova versione PayPass per pagare fino a 25 euro senza inserire Pin o strisciare la carta, una specie di borsellino elettronico senza contatto (contactless).

Veramente Intesa Sanpaolo chiama a raccolta a Natale chiunque non abbia idee regalo innovative e propone molto di più: mutui, prestiti agevolati, il conto zerotondo, e così via. L'anno scorso una BCC invitò addirittura Babbo Natale in filiale per attirare famiglie con bambini.

L'idea migliore quest'anno, però, secondo molti, potrebbe essere quella proposta da alcune associazioni di consumatori: anticipare al 15 dicembre, meglio ancora sarebbe al 13, giorno di Santa Lucia ancora festeggiata nel Veneto e in alcune località del Centro Sud, la cosiddetta moratoria dei mutui e prestiti prevista o comunque annunciata per gennaio 2010 da Abi. Sarebbero "circa 400mila i nuclei familiari interessati da una forte diminuzione del reddito, causata da cassa integrazione e licenziamenti, oltre che dagli effetti della crisi economico-finanziaria", si legge in una nota delle Federconsumatori. Tutto questo mentre le banche hanno già messo le mani avanti e affermano che sulla moratoria, pur giustissima, ognuna deciderà per sé.

Ultima ora: Leggi qui l'accordo sulla moratoria

1 commento:

Anonimo ha detto...

Perfettamente d'accordo. Bravissima