Adv

mercoledì 25 maggio 2016

Se 30mila franchi l'anno senza far nulla vi sembran pochi

In Svizzera potrebbe accadere l'inverosimile. Ricevere uno "stipendio" annuo di 30.000 franchi (poco più di 27mila euro) senza fare nulla. Ma non è tutto. I tassi sotto zero potrebbero creare altre stranezze. Del tipo: la banca ti paga perché tu accenda un mutuo. Oppure: ti regala denaro. Sono queste alcune provocazioni che leggo nell'articolo di Forbes "Three Weird Consequences Of NIRP" (leggi in www.ofnews.tv di oggi) tra cui appunto la possibilità che la banca paghi perché si prenda un mutuo. Oggi, di fatto, un mutuo non è mai stato così vantaggioso. Gli spread sono sotto zero come i tassi. Se fosse ancora possibile ricevere l'80 e il 90% del valore di una casa data in garanzia sarebbe una vera pacchia. Ma non è così: gli spread sono bassi se si porta in banca un bel gruzzolo pari alla metà di quanto costa la casa che si vuole acquistare. Non poco. Un bel po' di denaro. Ed ecco perché il mutuo langue. Questo è il primo motivo. Poi ce ne sono altri: si stanno liberando le case dei nonni, passati a miglior vita e soprattutto ai giovani una casa in proprietà non può essere data perché privi di un lavoro stabile. O del tutto privi di un lavoro. Che fare allora? Si può fare come in Danimarca dove le banche stanno sovvenzionando i clienti pagandoli, in pratica, perché non applicano floor e quindi con tassi negativi soprattutto su lunghi periodi, rimborsano i clienti, Oppure come in Svizzera. Ma soprattutto finanziando attività sociali o progetti sociali che mettano a disposizione dei giovani che sono costretti a cambiare città per lavorare abitazioni a prezzi accessibili e con servizi adeguati nelle città dove gli stabili vuoti o semivuoti sono ormai una normalità.

Nessun commento: