Adv

mercoledì 31 maggio 2017

La casa salvadanaio. I millennials e la casa

Si parla di eredità: una casa ricevuta in eredità può diventare un salvadanaio se si usa per richiedere prestiti e mutui anche per importi fino a un massimo della metà del valore dell'immobile. Ma è davvero una buona idea? Meglio vendere tutto e subito e magari svendere visto la difficile situazione economica e immobiliare? Parrebbe proprio di sì. Invece di mantenere la casa o l'immobile, magari una palazzina con terreno, chi riceve in eredità il bene preferisce sbarazzarsene. E per una serie infinita di ragioni, alcune comprensibili, altre meno. Un mutuo fisso all'1% sui 10-15 anni oggi è al contrario una valida alternativa per mantenere l'immobile, avere denaro a disposizione per fare altro, magari per avviare un'attività in proprio. Il mercato dei mutui al contrario langue. E non solo da noi. Negli USA il pacchetto mutui delle principali banche si sta restringendo in modo velocissimo. E allora? Bisogna cambiare mentalità? Pensare al futuro e al lavoro è il primo passo. Al contrario la prima idea è disfarsi dei debiti della famiglia e più in fretta possibile. Per valutare i miglrioi mutui oggi OF ha ripristinato da poco l'ambito riconoscimento OF Miglior Mutuo 2017 leggete qui e nel caso chiedete a me.

martedì 23 maggio 2017

OF-MigliorMutuo 2017

Ho atteso un po' prima di postare nuovamente sul tema mutui. Perché di fatto oggi i mutui hanno cambiato nome, legge, tutto. Il decreto legge 72/2016, infatti, ha introdotto tantissime novità e il fatto che ancora ci siano così tanti articoli che cercano di dirci se sia meglio un prodotto a tasso fisso o a tasso variabile fa capire che il messaggio almeno ai colleghi giornalisti non sia ancora arrivato. I tassi non hanno più molto significato ai fini di una scelta. Questo è il primo punto. Il fisso e il variabile rimarranno ancora così bassi e lo spread applicato li renderà così simili fra loro (più elevato via via per quello variabile) che in pratica il «CREDITO IMMOBILIARE» (nuovo nome del mutuo) non dipenderà per niente da questo indice di paragone. Il vero snodo sta da un'altra parte, sul valore dell'immobile dato in garanzia, ovvero l'ipoteca che vincola la casa al finanziatore, cioè alla banca. In base al valore reale non soltanto oggi ma nel tempo, la banca deciderà se dare il mutuo e soprattutto quale taeg applicare. Variabile e fisso identici? Praticamente ancora per poco, non a caso è in corso una mini corsa alla surroga verso il fisso anche con tassi davvero vantaggiosi. OF ha premiato OF-MigliorMutuo 2017 per il fisso e il variabile praticamente a tre banche nelle stesse tre posizioni: al terzo posto Hello bank! BNPP, al secondo il mutuo di Crédit Agricole (che è in campagna anche con maxi affissioni e spread sotto l'1%) e al primo Intesa Sanpaolo. Vedi al sito www.ofnews.it/ofmiglior.